Le sette sorelle – Lucinda Riley RECENSIONE

cristo-redentore-le-tazzine-di-yoko

AUTORE: LUCINDA RILEY

TRAMA: In questo romanzo si parla di sei sorelle che sono state adottate da un uomo molto ricco, che loro chiamano Pà Salt, per la sua passione per il mare; un uomo, anche, molto enigmatico, di cui loro stesse sanno ben poco. Le ragazze prendono i nomi delle Sette Sorelle della Costellazione delle Pleiadi: Maia, Alcione (detta Ally), Asterope (detta Star), Celeno (detta Ce-Ce), Taigete (detta Tiggy), Electra. La settima sorella, Merope, non fu mai portata a casa. Il loro cognome è D’Apliése, un anagramma della parola Pleiadi.

Insieme a Pà Salt, prima di prendere ognuna una strada diversa, hanno sempre vissuto in Svizzera, in una bellissima villa, Atlantis, che da sempre era stata la loro oasi, il loro rifugio. Il padre, alla sua morte, che verrà comunicata alle figlie solo dopo il suo funerale (che in realtà non è un funerale vero e proprio poichè le ultime disposizioni dell’uomo erano quelle di voler riposare in fondo al mare), lascia ad ognuna delle figlie, delle coordinate geografiche per poter scoprire le proprie origini.

La prima ricerca è quella di Maia, una ragazza molto introversa di cui si sa ben poco. Le sue coordinate la portano in Brasile e giunta lì, si mette in contatto con Floriano, uno scrittore, a cui lei aveva tradotto un romanzo dal portoghese al francese, che l’aiuta ad arrivare a Las Casas de Las Orquideas, il punto esatto segnato sulle coordinate. Quì troverà una signora molto anziana che non vuole avere nulla a che fare con lei, ma la donna che vive con lei le consegnerà delle lettere, perchè dice di averla riconosciuta. Tramite la lettura di queste lettere, Maia entrerà nel mondo di Izabel, che si rivelerà la sua bisnonna, e della sua vita. Apprenderà del matrimonio combinato con Gustavo, che lei non amava, e del permesso di Gustavo, di andare a visitare l’Europa, ed in particolare Parigi, prima del matrimonio; del suo amore con Laurent, uno scultore parigin, e della loro storia d’amore. Tra le lettere, Maia riceverà informazioni molto importanti sulla costruzione del Cristo Redentore, e di come fosse stato costruito in Francia e poi portato in Brasile.

Maia, aiutata da Floriano, nella sua ricerca, troverà un pò di felicità e riuscirà a lasciarsi alle spalle il passato.

Nell’ultimo capitolo, Ally pronta a fare una ricerca sulle sue origini, riceverà una telefonata da una voce conosciuta. Chi sarà?

COMMENTO: Io ho apprezzato molto questo romanzo e la sua scrittrice, Lucinda Riley, come sempre, per il suo modo di scrivere che mi prende dalla prima all’ultima pagina. La storia è molto interessante anche perchè ci sono molte cose reali, come la costruzione del Cristo Redentore ed il fatto che lei faccia diventare personaggi del romanzo, coloro che davvero sono stati incaricati ed hanno costruito la statua. E’ piacevole da leggere anche per la descrizione che fa del Brasile e di Parigi,e mi ha fatto davvero immaginare di essere li con Izabel in un ‘altra epoca dove tutto era ancora così differente ad ora, dove il rispetto per le tradizioni e per i genitori era importantissimo e non come nel mondo moderno.

Le sette sorelle – Lucinda Riley RECENSIONEultima modifica: 2017-03-05T14:00:12+01:00da booksdreams
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento